Il 2013, iniziato da poche ore, porterà in dote qui in Italia un nuovo governo. In queste settimane, quindi, l’opinione pubblica si interroga su a chi affidare il prossimo Esecutivo. In un periodo in cui la fiducia verso la classe politica è ai minimi termini, l’unico mezzo per ottenere informazioni utili per la chiamata alle urne di febbraio è,sembrerebbe, la cara e vecchia televisione. L’informazione politica in tv non è un’invenzione italiana, e non nasce certo oggi: negli Stati Uniti è dai confronti televisivi degli anni 60 tra Nixon e Kennedy che l’opinione pubblica viene indottrinata dal tubo catodico. Nel nostro Paese, invece, ha raggiunto la centralità della comunicazione politica solo nel 1994, dalla famosa discesa in campo di Silvio Berlusconi, che di canali televisivi per la campagna elettorale ne aveva (e ne ha) ben tre. Ancora più recente è il confronto “alla americana”: era...

Read more

(+9 rating, 4 votes)
Loading...